fbpx
Isabella Berardi
Stai leggendo
Come scegliere gli hashtag su Instagram: piccola guida per principianti
0
Social media

Come scegliere gli hashtag su Instagram: piccola guida per principianti

Come scegliere gli hashtag per Instagram - The Fashion cherry Diary di Berardi Isabella

Come scegliere gli hashtag su Instagram. In questo ricco articolo sul blog, oggi parliamo di hashtag per Instagram. Ti spiegherò come sceglierli per i tuoi post in modo corretto ed evitando penalizzazioni e in modo che possano portare visibilità ai tuoi contenuti.

Non ho scelto io l’argomento: è uno dei quesiti che mi fate più spesso nel box che apro ogni settimana nelle stories di Instagram. Questo è uno dei vantaggi del seguirmi su IG, quindi, se non mi segui ancora, puoi farlo qui > Seguimi su Instagram.

Hashtag su Instagram. Perché sono utili

Ogni tanto c’è qualche genio che dice che gli hashtag sono morti. Non sono d’accordo! Se li sai scegliere bene, gli hashtag non solo sono vivissimi, ma porteranno visualizzazioni sul tuo profilo.

Non sono, però, il Sacro Graal. Se il tuo post o video è poco interessante, non c’è hashtag che tenga. Le persone arriveranno al tuo contenuto grazie agli hashtag, ma se quello che racconti non è interessante, se ne andranno subito.

Se vuoi capire come creare contenuti interessanti, leggi il mio articolo sul blog > Come creare contenuti interessanti in modo semplice e senza sforzo

Immagina gli hashtag come delle etichette che attacchi al tuo contenuto per identificarlo in relazione ai temi di cui parli, alle persone a cui ti stai rivolgendo, ad un luogo specifico.

Queste etichette fanno sì che questo contenuto venga, poi, trovato nei risultati di ricerca dalle persone che stanno cercando proprio post relativi a quei determinati argomenti.

Hashtag. Come sceglierli e dove

È importante che queste etichette abbiano, quindi, un senso.

Un hashtag troppo grande farebbe sì che il nostro contenuto si disperda tra altri milioni di contenuti con la stessa etichetta. Quindi va escluso.

Facciamo un esempio concreto: se parli di moda, l’hashtag #outfit sarebbe da evitare come la peste, contiene oltre 150 mila milioni di post e difficilmente ti porterà traffico. Magari è meglio usare #consiglidistile, che ha circa 45mila post al suo interno.

Un hashtag troppo piccolo, con poche centinaia o migliaia di post, indica che non c’è ricerca su quel tema. Quindi, come sopra, va escluso.

Direi di attenerti al range 500.000-10.000. Non è una regola rigida. Hashtag più piccoli, esempio da 5.000 contenuti, possono essere interessanti se sono molto pertinenti alla tua nicchia o se riguardano una località geografica dove svolgi la tua attività.

Come cercare gli hashtag su Instagram

Li puoi cercare tramite la specifica funzione “Cerca”, quella con la lente.

Come scegliere gli hashtag su Instagram: due risorse gratuite

Ecco 2 siti gratuiti con cui puoi iniziare a cercare gli hashtag per i tuoi post su Instagram:
http://best-hashtags.com/
https://all-hashtag.com/

Hashtag. Quanti utilizzarne

Nei post (e mi riferisco a reels, caroselli, ogni contenuto che possiamo mettere su IG), possiamo metterne fino a 30, ma non è necessario usarne così tanti.

Anzi, sembra che Instagram stia limitando l’utilizzo degli hashtag al massimo a 5 per post.

Scegline quindi un numero compreso tra i 5 e i 7, ma ricercati con attenzione e non messi a  caso.

Hashtag. Non devono essere il testo del tuo post

Vedo troppo spesso post dove il testo è costituito da 2 parole + una sfilza di hashtag.

Non va bene.

Gli hashtag sono un’aggiunta, non sostituiscono una caption, cioè il testo, scritto con tutti i crismi, con un attacco che mi faccia venire voglia di leggere, con una call to action finale etcetc.

Come scegliere gli hashtag su Instagram: meglio in inglese o italiano?

Pensa alla tua community. Che hashtag usano le persone che ti seguono o i tuoi potenziali clienti? In inglese o in italiano? Tu fai di conseguenza. Ovviamente, se usi altre lingue differenti dall’inglese e dall’italiano, perché il tuo pubblico parla quelle lingue, agisci di conseguenza.

Controlla i dati

Questo è importantissimo.

Sotto ogni singolo post, troverai la frase “Visualizza dati statistici” o “Visualizza insight”. Cliccaci sopra.

Troverai moltissimi dati. Se i tuoi hashtag ti stanno portando traffico, lo troverai qui.

Se non trovi questa voce… vuol dire che stai usando gli hashtag sbagliati 😓😓. Attenzione, ad oggi questo dato non è visibile per tutti i formati di Instagram. Ad esempio sui reels non è visibile.

Altra cosa importante da segnalare: se usi gruppi di hashtag, non è possibile, ad oggi capire il rendimento del singolo hashtag, ma solo del gruppo complessivo.

Una regola per comporre gruppi di hashtag su Instagram che funzionino

La mia regola per comporre gruppi di hashtag che “funzionino” è questa. Scegli hashtag relativi a:

  • Chi sei tu e cosa fai es #artigiana #creatoregioielli #instagramcoach
  • Chi è il tuo pubblico #mammelavoratrici #imprenditrici
  • Cosa sta cercando il tuo pubblico #ricette #instagramtips #gioiellibelli
  • Di cosa parla il tuo post nello specifico #artigianato #gioieillifattiamano #ricetteperceliaci #armocromia
  • Di dove sei tu? #iseolake #brescia, inserisci quindi gli hashtag relativi al luogo dove sei, che è utile soprattutto se hai un’attività geolocalizzata.

Importante il punto 4: di cosa parla nello specifico il tuo post. Non devono essere uguali per ogni post, ma devono essere specifici per quel post.

Se fai fatica e vuoi capire meglio come scegliere hashtag che funzionino c’è un minitraining in arrivo dentro “Digital Madame”, la mia academy di formazione in abbonamento ad un prezzo piccolissimo. La scopri qui > Digital Madame.

Salva i tuoi gruppi di hashtag

Creati in anticipo i tuoi gruppi di hashtag e salvali: nelle note del telefono, su un file word, sui Fogli Google. Non c’è niente di peggio che andare a ravanare all’ultimo minuto per trovare gli hashtag corretti da abbinare al post.

Hashtag sconsigliati

Sconsiglio di usare hashtag personalizzati a meno che non siamo già “famose” es. #mariarossi, se ti chiami Maria Rossi.

Se il nostro obiettivo è quello di portare traffico sui nostri post, avere un hashtag con il tuo nome e cognome non va bene. Gli hashtag devono essere relativi a parole chiave che le persone cercano sui social. Se non sei già nota, difficilmente metteranno il tuo nome e cognome.

Se li usi, sappi che avranno esclusivamente funzione di “branding”, ma non ti porteranno traffico.

Stai attento/a agli hashtag bannati

Controlla sempre che gli hashtag che utilizzi non siano bannati, cioè non siano penalizzati da Instagram. Se li utilizzi, avrai delle penalizzazioni in termini di minori visualizzazioni anche tu.

Prova tu stesso ad andare a vedere l’hashtag #italiano. Troverai un bell’avviso con scritto “I post recenti con #italiano sono nascosti perché alcuni post potrebbero non rispettare le Linee guida della community di Instagram”.

In conclusione

Spero che questo lungo post ti sia stato utile, soprattutto a capire che la scelta degli hashtag non deve essere fatta a caso, ma è frutto di un’attenta ricerca e selezione. Se dovessi avere domanda, ti aspetto via mail o su Instagram.

 

 

Sull'autrice

Sono Isabella Berardi e, dal 2015, svolgo la professione più bella del mondo: la social media manager.
Con i miei percorsi formativi e con consulenze personalizzate, aiuto i piccoli brand creativi del settore moda, accessori, food, wellness e yoga a comunicare meglio la propria attività ed eccellenza sui social network e nel mondo digitale.
Se parti da zero, quindi, sei nel posto giusto!

error: Buongiorno, questo contenuto è protetto, spero che capirai, ma non voglio che le mie immagini girino senza il mio consenso. Grazie di cuore